Renato Curcio – La materia più preziosa al mondo è l’anima degli umani, il loro immaginario. L’impero virtuale non è che la storia recente di una nuova e più insidiosa strategia di colonizzazione dell’immaginario.

Salta al contenuto principale Vai alla barra degli strumenti Informazioni su WordPress Petite Plaisance Blog 4848 commenti in attesa di approvazione Nuovo Visualizza articolo Ciao, ppci Logout Leave A Review? We hope you've enjoyed using WordPress Photo Gallery! Would you consider leaving us a review on WordPress.org? Sure! I'd love to! I've already left a review Maybe Later Never show again Modifica articolo Aggiungi nuovo Bozza dell'articolo aggiornata. Anteprima articolo Inserisci qui il titolo Permalink: http://blog.petiteplaisance.it/renato-curcio-la…sidiosa-strategi/ ‎ div Conteggio parole: 874 Ultima modifica di ppci il 16 febbraio 2017 alle 19:31 Anteprima Stato: Bozza Modifica Modifica stato Visibilità: Pubblico Modifica Modifica visibilità Revisioni: 7 Sfoglia Naviga nelle revisioni Pubblica subito Modifica Modifica data e ora Copia in una nuova bozza Sposta nel cestino Tutte le categorie Più utilizzate Leggere Libri Pagine Politica Psicologia "Koinè" – work in progress Alessandro Pallassini, Note marginali per la progettazione di un comunismo della finitezza a partire da Spinoza Antonio Fiocco, Difendere in tutti i modi la progettualità Claudio Lucchini, Annotazioni sulla progettabilità del bene etico-sociale e sulla determinatezza materiale-naturale dell’uomo Claudio Lucchini, La progettualità comunista tra utopia concreta e necessità di funzionamento quotidiano. Commenti (Giacomo Pezzano, Luca Grecchi) Giacomo Pezzano, Il vero punto filosofico da scavare è che cosa si voglia intendere con “progettualità” Lorenzo Dorato, La progettualità come necessaria riflessione sui destini collettivi e sociali Luca Grecchi, Perché la progettualità? Quale progettualità? Alessandro Monchietto, Quale progettualità? A partire da alcune considerazioni di Luca Grecchi Luca Grecchi, Sulla Progettualità Antropologia Arte Articoli Autori A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z Bibliofilia Breviter Cinema DIritto Estetica Eventi Farfalle Filosofia Foglie Fotografia Interviste Koinè Antiporta Arretrati Bene comune Per un pensiero forte Senso e valore della filosofia. Tre domande, alcune risposte Letteratura Lettori Lettrici Lettura nell'Arte Matematica Musica Narrativa Paideia Poesia Recensioni Saggi Saggio Scritti di .... Antonio Melis Avevo un cavallino brizzolato - 2012 - Senza categoria Teatro Testi + Aggiungi una nuova categoria Aggiungi nuovo tag Separa i tag con delle virgole Renato Curcio Imposta l'immagine in evidenza Riassunto I riassunti sono riepiloghi del tuo contenuto creati manualmente e possono essere utilizzati nel tuo tema. Scopri di più sui riassunti manuali. Aggiungi nuovo campo personalizzato: Nome Valore Aggiungi nuovo I campi personalizzati possono essere utilizzati per aggiungere ulteriori dati ad un articolo ed essere poi usati nel tuo tema. ppci, 1 minuto fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 19:31:28) ppci, 2 minuti fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 19:29:37) ppci, 29 minuti fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 19:02:29) ppci, 30 minuti fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 19:01:15) ppci, 32 minuti fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 18:59:17) ppci, 41 minuti fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 18:50:57) ppci, 47 minuti fa (16 febbraio 2017 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 18:44:19) Show sharing buttons. Grazie per aver creato con WordPress. Versione 4.7.2 Immagine in evidenza Filtra per tipo Filtra per data Cerca media Dettagli allegato Renato-Curcio_Limpero-virtuale.jpg 16 febbraio 2017 523 KB 1663 × 583 Modifica immagine URL Titolo Didascalia Testo alternativo Descrizione

«[È emersa] una nuova oligarchia economica esperta nell’esercizio del potere digitale […] Uno sviluppo del capitalismo globale, una tecnologia innovatrice, un nuovo panottico di sorveglianza, una possibilità di controllo a distanza dei lavoratori, una produzione di identità virtuali, un’opportunità per mille operazioni di hackeraggio benefiche e malefiche, una possibilità di velocizzare e ampliare le nostre comunicazioni orizzontali e tante, tantissime altre cose ancora» (pp. 8-9).

«L’iperconnessione, la schiavitù mentale, l’app-dipendenza, l’alienazione della memoria, il furto dell’oblio, e il deterioramento della sensibilità relazionale» (p. 10).

«La materia più preziosa al mondo non è il petrolio, né l’oro e neppure l’energia. No, più prezioso di ogni altra cosa, come aveva già intuito il Papato ai tempi delle prime Crociate, è l’anima degli umani, il loro immaginario. L’impero virtuale non è che la storia recente di questa appropriazione, di una nuova e più insidiosa strategia di colonizzazione dell’immaginario» (p. 16).

«[Dobbiamo] raffigurarci l’utilizzatore della piattaforma come un lavoratore-consumatore che opera volontariamente per un’azienda produttiva senza percepire alcun salario; che produce con il suo lavoro valore, ma lo fa gratuitamente, volontariamente, e nella maggior parte dei casi senza esserne neppure consapevole; e che, infine, riceve nei suoi strumenti digitali inviti mirati all’acquisto di prodotti ai quali in qualche modo si è interessato (un volo, un libro, un tablet, un’auto, un appartamento). Ricordando che il popolo irretito nell’impero virtuale raggiunge attualmente circa tre miliardi di persone non stupisce che il gruzzolo finale raggiunga cifre astronomiche» (p. 36).

«Mentre i legami in presenza si generano, si consolidano e si sciolgono attraverso parole e messaggi non verbali che i corpi si scambiano reciprocamente, le connessioni elettroniche si affidano alle immagini morte, ai filmati, ai simboli e alla scrittura, vale a dire ai tipici sistemi di segni ai quali, da sempre, ricorrono i linguaggi dell’assenza» (pp. 63-64).

«Un ‘tweet’ qui e un ‘mi piace’ là. Un messaggino e uno scambio di fotografie. Esorcismi contro la solitudine, ma anche angoscianti domande. […] Il numero e non la qualità. Questo è lo specchio di qualunque Narciso virtuale. […] Nell’ordine di realtà virtuale a cui Narciso si consegna, la sua gloria e il suo destino dipendono dall’aritmetica» (70).

«Affidando i nostri ricordi alle implacabili memorie esterne, queste memorie ricorderanno di noi anche quello che noi non ricordiamo più o di cui ci siamo liberati. Figlie del pensiero quantitativo esse ignorano l’arte sottile e benefica dello scarto e dell’abbandono: esse ricorderanno per sempre anche quanto noi non vorremmo più ricordare. Ricorderanno nonostante noi e la nostra volontà, e saranno soltanto esse, infine, a costruire, giudicare e decidere quale debba essere il significato dei nostri trascorsi dimenticati.
Va detto ancora che la memoria senza oblio è anche una memoria senza storia, una memoria ‘morta’, rigida come un cadavere e patologicamente dissociata. È una memoria ‘cattiva’ che genera malessere. Tutto ciò che essa conserva ‘dorme’ fino a che l’oligarchia non ritenga di doverlo risvegliare per una sua qualsiasi ragione; dimora in un obitorio dell’impero in attesa di essere un giorno oscenamente scrutata da algoritmi curiosi in cerca di sempre nuove e imprevedibili associazioni» (77).

«[…] parole finte, contatti virtuali spacciati per legami amicali, maschere intercambiabili e ologrammi in marcia nelle piazze vuote» (99).

Si tratta della «schiavitù mentale» della quale parla Chomsky, «la schiavitù di cui sono vittime gli entusiastici abitanti dell’impero» (68), il quale si presenta «come una società della trasparenza identitaria; una società degli alias digitali accreditati e domiciliati in account, con-vinti e attivi, ma sempre trasversalmente monitorati senza alcuna pausa» (pp. 100-101).

«[Internet è] dentro il mondo, ma il mondo non si riduce a Internet. Il futuro passa anche dall’esterno di questa ragnatela e fuori dalle sue ossessioni» (p. 98).

«Stando all’evidenza storica tutti gli imperi esistiti sono anche crollati. Non vedo perché proprio questo dovrebbe fare eccezione» (p. 101).

Quarta di copertina

Alcune aziende che quindici anni fa non esistevano, come Google e Facebook, oggi costituiscono la nuova e potente oligarchia planetaria del capitalismo digitale. Internet ne rappresenta l’intelaiatura, e i suoi utenti, vale a dire circa tre miliardi di persone, la forza lavoro utilizzata. Le nuove tecnologie digitali fanno ormai parte della nostra vita quotidiana, le portiamo addosso e controllano tutti gli ambienti della vita sociale, dai luoghi di lavoro ai templi del consumo. Questo libro propone una riflessione sui dispositivi attraverso i quali questa oligarchia e queste tecnologie catturano e colonizzano il nostro immaginario a fini di profitto economico e di controllo sociale. E mette in luce il risvolto di tutto ciò, ovvero l’emergere di una nuova e impercepita sudditanza di quel popolo virtuale che, riversando ingenuamente messaggi, fotografie, selfie, ansie e desideri su piattaforme e social-network, contribuisce con le sue stesse pratiche a rafforzare il dominio del nuovo impero. Non conosciamo ancora le conseguenze sui tempi lunghi di questo ulteriore passaggio del modo di produzione capitalistico. Chiara invece appare la necessità di immaginare pratiche di decolonizzazione personale e collettiva per istituire nei luoghi ordinari della vita varchi di liberazione.

 

 

banner-1


Si può accedere  ad ogni singola pagina pubblicata aprendo il file word     

  logo-wordIndice completo delle pagine pubblicate (ordine alfabetico per autore al 16-02-2017


N.B. Le immagini e i video sono stati reperiti nel web e quindi considerati di pubblico dominio. Qualora si ritenesse che possano violare diritti di terzi, si prega di scrivere al seguente indirizzo: info@petiteplaisance.it, e saranno immediatamente rimossi.


***********************************************
Seguici sul sito web 

cicogna petite***********************************************


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *